FOTO SHOPPING 02 2017

Anche le imprese ad attività annuale del comparto del commercio e dei servizi potranno firmare contratti a tempo determinato, a carattere stagionale, incrementando l’occupazione durante il periodo estivo in base ai reali fabbisogni aziendali, grazie all'intesa raggiunta tra la Confcommercio del Nord Sardegna ed i Sindacati territoriali di Categoria. 

L’avvenuta stipula dell’importantissimo Accordo è stata annunciata da Antonio Sole, residente dell’Organizzazione Datoriale, e da Giuseppina Pittalis (Cgil-Filcams-Olbia), Eleonora Careddu (Cisl-Fisascat-Olbia), Sebastiano Crosa (Cgil-Filcams-Sassari), Maria Giovanna Mela (Cisl-Fisascat-Sassari) e Giampiero Manai (Uil-Uiltucs-Sassari e Olbia), Segretari delle Citate OO.SS., che hanno tutti sottolineato la valenza sociale ed economica dell’iniziativa, ribadendo la ferma volontà di tutte le parti in causa di rispondere concretamente alle attese delle imprese e dei lavoratori, chiamati a fronteggiare, in alcuni periodi dell’anno, le complesse problematiche connesse alla repentina intensificazione dell'attività lavorativa, soprattutto nei mesi di maggior afflusso turistico.

L'Accordo, che si può configurare, tecnicamente, come un contratto di secondo livello, permette appunto alle aziende ad apertura annuale, con picchi di lavoro riconducibili a ragioni di stagionalità:

• di superare il limite di durata massima complessiva , pari a 36 mesi, dei contratti a tempo determinato, intesi come sommatoria di più contratti a termine;
• di non essere vincolati all’obbligo delle pause di 10 o 20 giorni tra un contratto a termine e l’altro;
• di non essere assoggettati ai limiti quantitativi (del 20%) stabiliti dalle norme di legge e dai CCNL sul numero massimo di lavoratori a tempo determinato che possono essere in forza contemporaneamente in azienda;
• di far beneficiare i lavoratori del diritto di precedenza rispetto a nuove assunzioni a termine per le medesime attività stagionali;
• di poter intervenire su diversi aspetti che attengono al lavoro domenicale e festivo (maggiorazioni percentuali, turni, riposi, ecc.) prevedendo, in via sperimentale, criteri di programmazione e dimensionamento degli organici coerenti con la particolare fase congiunturale e con la facoltà/opportunità concessa alle imprese, ai sensi delle disposizioni cogenti, di decidere liberamente il calendario delle aperture al pubblico per garantire ai consumatori servizi sempre più efficienti e su misura;
• di poter stipulare contratti di lavoro part-time anche solo di otto ore (weekend) e, comunque, inferiori a 16/18 ore per le aziende che occupano rispettivamente meno di 30 dipendenti e più di 30 dipendenti.

La deroga, in estrema sintesi, consentirà, quindi agli imprenditori dei Settori del Commercio e dei Servizi del Nord Sardegna di prolungare il rapporto di lavoro con i dipendenti già in organico oppure di incrementare i livelli occupazionali nel periodo estivo, garantendo maggiore qualità e continuità nel servizio ed assicurando ai lavoratori, nel contempo, ampie opportunità di impiego ed il diritto di precedenza rispetto a nuove assunzioni a tempo determinato da parte dello stesso datore di lavoro per le medesime attività stagionali.

Possono usufruire del nuovo Accordo Territoriale esclusivamente i datori di lavoro, aderenti al Sistema “Confcommercio Imprese per l’Italia Nord Sardegna”, che applicano il CCNL del Terziario, Distribuzione e Servizi, previa sottoscrizione di un apposito accordo aziendale.

Le imprese interessate sono tenute a presentare apposita richiesta presso gli uffici dell’Ente Bilaterale Territoriale del Terziario di Sassari e di Olbia-Tempio onchè a fornire la documentazione necessaria a supporto e corredo della stessa.

L’Accordo, in vigore dal 13 giugno 2017, avrà validità fino al 31/12/2017 e, qualora non intervenga disdetta entro tre mesi dalla scadenza, sarà prorogato tacitamente per il periodo dal 1° marzo 2018 al 31/12/2018.


consulta l'Accordo